“Il senso della fotografia non sta nel vedere, ma nel sentire”

CAMPAGNA PRIMAVERA/ESTATE 2020 DOCUMENTATA DA OLIVIER KERVERN

 
 

Il fotografo Olivier Kervern documenta il suo viaggio attraverso la Sicilia con la Campagna Primavera/Estate 2020.

 

Paesaggi infiniti e la trama di una città. Non esiste altro luogo in cui diverse epoche storiche, luci e ombre, coerenza e diversità, naturale e artificiale si toccano fino a fondersi quanto in Sicilia e a Palermo. La bellezza che risiede nell’equilibro tra elementi contrastanti si riflette nel lavoro di Lucie e Luke Meier da Jil Sander. L’armonia tra gli opposti, campi aperti e Barocco, forme fluide e strutturate, maschile e femminile, cemento e pizzo. Archetipi, ascetismo e voluttà. Olivier Kervern, il fotografo che ha accompagnato Lucie e Luke Meier nel loro ultimo viaggio, crede che la fotografia consista in fugaci momenti di libertà e verità. Si trova di fronte a qualcosa di chiaro, luminoso e preciso, ma, al tempo stesso, percepisce una distanza che lo separa dai propri soggetti. I suoi scatti parlano di intimità, di quei rari attimi in cui il tempo sembra essere sospeso. Un terrain vague, uno spazio aperto e desolato. Le differenze e i confini tra le figure e il loro sfondo cessano di esistere. Le donne e gli uomini di Jil Sander viaggiano. Le ombre, i riflessi e le luci definiscono gli spazi per poi fondersi tra loro. Il processo è inequivocabilmente analogico. Tutto ciò che è moderno risulta primordiale e l’arcaico ci parla, ispirandoci. “Questi scatti sono arcaici e sensibili al tempo stesso; taglienti, delicati ed estremamente onesti. In questi paesaggi, in questi edifici e in questi ritratti, Olivier ha catturato le emozioni che volevamo trasmettere. È stato un piacere lavorare con lui”.